26/31 marzo 2019 - 26th/31st March 2019
III Edizione - 3rd edition

DIFFRAZIONI MULTIMEDIA FESTIVAL
Opere - Articoli - Workshop
Works - Papers


Diffrazioni - Firenze Multimedia Festival è un progetto dedicato ai linguaggi dell’arte contemporanea, ai confini della ricerca tra espressione poetica e tecnologia dove nuovi strumenti, nuovi scenari e profonde emozioni interiori, si incontrano e si fondono. 
Il progetto fonda la sua forza su un sistema di sinergie fra istituzioni di alta cultura e formazione artistica, amministrazione pubblica, giovani artisti e associazioni ed enti culturali senza scopo di lucro.

Tutti gli eventi del festival sono ad ingresso libero.

L’accesso alla Master class e al Work-shop è riservato agli iscritti. 

Florence Multimedia Festival Diffrazioni is a project dedicated to contemporary art, to explore boundaries between technology and poetic expression, where new tools, new scenarios and deep inner emotions meet and combine.
The project bases its strength on a system of synergies between institutions of higher artistic education, public administrations, young artists, cultural associations and non-profit organizations. 

All events are free entrance

only workshop and masterclass require registration.

 

26/31 marzo 2019 - 26th/31st March 2019
III Edizione - 3rd edition

 
Le-murate-OPT.jpg
 

Sound Ligth Art - Robotics - VIDEOS
CONCERTs - INSTALLATIONS - PRESENTATIONS
Technology Neuroscienze Nanotechnology


 

Il festival è un momento d’incontro, di conoscenza, di festa, di riflessione, di crescita. È uno spazio fisico ed un breve intervallo di tempo in cui si concentrano esperienze di natura diversa negli ambiti più disparati della ricerca scientifica, tecnologica, artistica, espressiva e comunicativa.

This festival is an opportunity for connection, celebration, knowledge, development. It is a physical space and a short moment in time where multiple experiences converge, each one originating from different research fields in science, technology, art, expression, communication.

 

Il festival è un momento d’incontro, di conoscenza, di festa, di riflessione, di crescita. È uno spazio fisico ed un breve intervallo di tempo in cui si concentrano esperienze di natura diversa negli ambiti più disparati della ricerca scientifica, tecnologica, artistica, espressiva e comunicativa.

In Diffrazioni vogliamo, con tutte le nostre forze, che siano raggiungibili, esplorabili, o almeno intuibili, le idee, le opere, l’immaginazione e le aspirazioni che la contemporaneità esprime in ogni ambito dello scibile umano, dalla scienza alla tecnologia, dalle indagini sulla coscienza al pensiero umano, dall’espressione artistica all’immaginazione creativa.
È in questo cocktail di espressioni e di straordinari impegni e ingegni umani, che ognuno di noi, potrà cogliere stimoli di ogni natura creando nuove connessioni, nuovi percorsi aperti alla nostra mente da cui forse potranno scaturire nuove vie per future indagini nella scienza come nell’arte, nella tecnica come nella coscienza. 

Vorremmo che il pubblico e i partecipanti a Diffrazioni accogliessero ogni contributo, artistico o scientifico, filosofico o tecnologico, nella sua espressione più genuina, vedendolo come l’occasione di un incontro con una verità speciale, un aspetto importante e reale della nostra contemporaneità offerto nella sua peculiarità. Un’occasione! E così, passeggiando tra questi concetti e queste opere, la fantasia potrà accendersi ed intravedere nuove possibilità, nuove opportunità per il nostro presente e per il nostro futuro. Alcune relazioni sono già ampiamente sperimentate fin da tempi lontani, come i rapporti tra matematica, fisica, musica, arte pittorica, grafica, architettura… e Firenze, e la Toscana, ne sono state protagoniste storiche di una portata unica. Altre relazioni di più recente individuazione e trattazione coinvolgono oggi le neuroscienze, la visione, i meccanismi del pensiero, il senso estetico, la percezione dello spazio, del suono, il concetto di forma e di struttura, i processi logici ed i fenomeni deterministici, la casualità ed i fenomeni quantistici per giungere poi alle ultime frontiere della biologia, al coinvolgimento di forme viventi nell’arte come nella tecnologia, al coinvolgimento di ogni attività sensoriale, alle nanotecnologie, all’interfacciamento della mente con la materia, con la natura e con mondi virtuali.

Senza voler eludere personaggi, certamente anche estremamente interessanti, che hanno offerto già strategie di connessione interdisciplinare preconfezionate, vogliamo riferirci ai veri protagonisti della ricerca in ogni settore ed avere l’occasione di un contatto speciale e diretto con loro, fonte originale di concetti che potrebbero poi animare e attraversare futuri progetti. Con Diffrazioni vogliamo incontrare i personaggi più significativi che nel nostro tempo con il loro lavoro portano avanti la conoscenza umana in tutte le sue dimensioni. Vogliamo incontrare queste importanti figure perché la loro esperienza, nel loro specifico ambito, è testimonianza preziosa del nostro tempo, unica ed insostituibile, confidando dunque per tutto questo, di riuscire a ad offrire una vera occasione di crescita e di stimolo per tutti i frequentatori di Diffrazioni.

Alfonso Belfiore
direttore artistico

This festival is an opportunity for connection, celebration, knowledge, development. It is a physical space and a short moment in time where multiple experiences converge, each one originating from different research fields in science, technology, art, expression, communication.

At Diffrazioni we long with all our strength for the achievement of – or at least the insight into – all the ideas, works, fantasies and aims that our modernity expresses in any field of human knowledge: from science to technology, from investigation on conscience to human thought, from artistic expression to creative imagination.
In this sort of cocktail of expressions and extraordinary intelligence and commitment, each of us can look for stimulation of any sort, thus creating new connections and paths inside the human mind, which can perhaps generate new ways to future understanding of science, art, technology, and conscience.

Our aim is to make sure that our public at Diffrazioni will embrace any artistic, scientific, philosophical or technological contributions in their most genuine expression, and consider it as an encounter with a special truth, a most important feature of our modernity which is offered in its peculiarity. This is such an opportunity!
Thus, strolling along these ideas and works, our imagination can be enlightened about new possibilities and new opportunities for our present and our future.
Some relationships, such as those occurring in the fields of mathematics, physics, music, painting, architecture, have been fully experimented since ancient times: Florence and Tuscany stand as bright examples of this through history.
Other more recent connections involve neuroscience, vision, the mechanism of the brain, aesthetics, the perception of space and sound, the concept of form and structure, the logic processes and the deterministic events, randomness and quantum mechanics, along with the new frontiers of biology and with the engagement of any activity of the senses, nanotechnology, interfacing of mind and matter, nature and virtual universes.


Our intention is certainly not to elude certain influential personalities, including very interesting ones, who have offered standardized strategies of interaction among different subjects; however, our aim is to look at the real protagonists of research in any area of expertise, and find the opportunity of a special contact with them, because we believe they constitute the original source of concepts that will enliven future projects. Through Diffrazioni we aim to meet the most significant people who, with their work and in our time, carry human knowledge on in all its dimensions. Our aim is to meet these important persons because their experience, in any specific fields, is a precious and remarkable witness to our time: hence, we hope to offer our audience at Diffrazioni a unique opportunity of personal growth and development.

Alfonso Belfiore
art director

 

 
 

Luogo/Venue

 

LE MURATE/PAC - PROGETTO

Su incarico della Direzione Cultura del Comune di Firenze, Le Murate Progetti Arte Contemporanea propone mostre, incontri, performance e workshop centrati sulle tematiche ed i linguaggi artistici del contemporaneo, con un taglio fortemente interdisciplinare.
Lo Spazio Riviste e le Residenze per artisti si offrono come luogo di aggiornamento e formazione.
Le Murate, Progetti Arte Contemporanea, è un centro di ricerca e produzione artistica per la città e sulla città.

LE MURATE/PAC - PROJECT

Commissioned by the Cultural Direction of Florence, Le Murate. Contemporary Arts Projects offers exhibitions, meetings, performances and workshops focused on the themes and the artistic languages of the contemporary world with an interdisciplinary slant.
The Magazines Hall and the Residences for artists are offered as a place of learning and artistic development.
Le Murate, Contemporary Arts Projects is a center of research and artistic production for and about the city.

 
pac_header.jpg
 

DOVE SIAMO

Il complesso monumentale delle Murate, originariamente convento di clausura, sorge dove dalla metà dell’Ottocento sino alla fine del Novecento si trovava il carcere maschile cittadino. Dopo anni di abbandono, l’ex carcere è stato recuperato e trasformato in edilizia residenziale pubblica, attività commerciali e spazi sociali, seguendo un progetto dell’Arch. Renzo Piano. Progetti Arte Contemporanea intende diffondere e promuovere i linguaggi del contemporaneo collaborando con la città, in modo aperto ed inclusivo, quale centro di progettazione e produzione artistica.

Le Murate Progetti Arte Contemporanea 
Piazza delle Murate, Firenze (FI), Italia


WHERE WE ARE

The monumental complex of Le Murate sits the site of the urban men’s prison, which existed until the end of the 1900s. After a great renovation the municipality administration has returned the complex to the city as vast residential, commercial and cultural space. Le Murate.
Contemporary Arts Projects
 is born in the western section of this structure and it aims to spread and support the languages of the contemporary artistic world, working with the city in an open and inclusive way, such as a promotion and production center.

Le Murate Progetti Arte Contemporanea 
Piazza delle Murate, Firenze (FI), Italia


Partners:

 

Il progetto fonda la sua forza su un sistema di sinergie fra istituzioni di alta cultura e formazione artistica, amministrazione pubblica, giovani artisti e associazioni ed enti culturali senza scopo di lucro.  L’unione di queste forze rende possibile una proposta di elevata qualità artistico/culturale di valore internazionale a costi estremamente contenuti e con la prospettiva di gettare le basi per un appuntamento annuale.

The project bases its strength on a system of synergies between institutions of higher artistic education, public administrations, young artists, cultural associations and non-profit organizations. The union of these forces make possible to offer a product of high artistic / cultural quality, of international value at extremely low cost and with a view to laying the groundwork for an annual occurrence.

Partener&Sponsor_2018_2OPT.jpg
 
 
 

 

Opere di musica elettroacustica/acusmatica, opere audiovisive/video clip/opere multimediali/performance/video arte
installazioni multimediali, work-shop/seminari

Direzione artistica di
Alfonso Belfiore

Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini” di Firenze
Presidente Pasquale Maiorano
Direttore Paolo Zampini

Dipartimento Nuove Tecnologie e Linguaggi Musicali
Scuola di Musica Elettronica
Prof. Alfonso Belfiore
Prof. Marco Ligabue

——————————

Coordinamento progetto:

Alfonso Belfiore, Giovanni Pucciarmati

Riprese videofotografiche:
Andrea Bui, Vanessa Trippi

Ufficio stampa:
Lorenzo Migno

Web design
Angelo Marrone

Direttore tecnico
Lorenzo Ballerini

——————————

In collaborazione con:
Le Murate/Progetti Arte Contemporanea / MUS.E - Musei/eventi Firenze
Associazione Culturale Il Gabbiano
Reza Korourian Competition
Yarava Music Group
Associazione Culturale 8Arti
New York University
Conservatorio Bruno Maderna di Cesena
Istituto Internazionale Arte e Tecnologia
MediaLab


Media Partner:
Connessioni

 

Coordinatori progetto
Coordinators

Alfonso Belfiore, Giovanni Pucciarmati

 

Progetto, Direzione artistica e tecnica
project, artistic & technical director

Prof. Alfonso Belfiore

Mano-robot.jpg